Skip to content


Fabio Garagnani, “Reazionario pleonastico” dell’anno

Non c’è che dire. Oggi il premio al “Reazionario pleonastico” andrebbe certo conferito all’onorevole Fabio Garagnani.

Dopo aver invocato stizzosamente l’intervento della polizia e dell’esercito per impedire eventuali fischi contro le autorità durante la commemorazione della strage del 2 agosto; dopo aver accusato di «vilipendio della Repubblica» e di «atteggiamenti potenzialmente eversivi dell’ordine democratico» il presidente dell’Associazione delle vittime del 2 agosto Paolo Bolognesi; eccolo ora impavido con un’interpellanza al Ministro dell’istruzione in merito ai testi di storia adottati nei licei Galvani, Minghetti e Sabin di Bologna.

Secondo Garagnani in tali libri «sono del tutto trascurati, soprattutto per quanto riguarda la regione Emilia-Romagna, gli anni che vanno dal 1945 al 1948, nei quali la violenza di sinistra insanguinò tutta la realtà regionale, mentre si enfatizza il ruolo della Resistenza e dell’allora Pci».

Già, sarebbe giusto illustrare ai giovani il tradimento della lotta partigiana fra il 1945 e il 1948, quando dopo la Liberazione i fascisti che avevano commesso crimini documentati ebbero subito l’amnistia (assassini, torturatori, stupratori, persecutori di ebrei, speculatori, criminali di guerra, ecc.) e i partigiani subirono persecuzioni legali a non finire.

Comunque, per coerenza, l’«onorevole» dovrebbe forse dimettersi dal Parlamento visto che la Costituzione a cui egli ha giurato fedeltà è proprio «nata dalla Resistenza»…

Posted in General.

Tagged with .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.