Skip to content


Il laboratorio dell’estrema destra


Annette Langer riflette su “Der Spiegel” intorno ai rapporti fra lo stragista xenofobo simpatizzante di CasaPound e gli omicidi razzisti avvenuti in Germania per mano di una cellula neonazista. Una traduzione in italiano dell’articolo si legge nel sito dell’Osservatorio democratico sulle nuove destre.

Si potrebbe quasi parlare di una sorta di Al-Qaida nera: una cultura integralista e identitaria della “crociata” o della “guerra santa”, che motiva e mobilita singoli individui o piccoli gruppi all’omicidio politico seriale, i Breivik, gli NSU, i Casseri…

Il laboratorio dell’estrema destra

Con CasaPound è nata una nuova ideologia neofascista. Guardata con interesse da gruppi di destra di altri paesi europei

Il 13 dicembre Gianluca Casseri ha parcheggiato la sua Volkswagen in seconda fila non lontano da piazza Dalmazia, a Firenze. Si è avvicinato a tre uomini senegalesi che vendevano borsette, accendini e magliette nel mercato della piazza. Poi ha cominciato a camminare avanti e indietro di fronte ai venditori, prima di dire: “Tocca a voi”. Subito dopo Casseri, 50 anni, ha estratto una pistola Smith&Wesson dalla tasca e ha fatto fuoco quattro o cinque volte. Modou Samb, 40 anni, e Mor Diop, 54, sono morti sul colpo. Moustapha Dieng, 34 anni, è sopravvissuto ma ha riportato ferite gravi. Leggi tutto l’articolo nel sito dell’Osservatorio democratico sulle nuove destre.

Posted in General.

Tagged with , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.