Skip to content


22 feb 1980: Valerio Verbano ucciso dai fascisti


Il 22 febbraio 1980 Valerio Verbano veniva ucciso a 19 anni da un commando di neofascisti. Dopo aver fatto irruzione nell’appartamento e legato i genitori, lo attesero in casa per ucciderlo.

Militante dell’estrema sinistra e antifascista, con la passione per la fotografia e il metodo del giornalista d’inchiesta, Valerio fu ucciso per un dossier in cui tentava di ricostruire i legami tra gruppi neofascisti, ambienti malavitosi, forze dell’ordine e apparati statali.

L’unica cosa certa è che il commando fosse composto di neofascisti. «La pista nera», dice la madre, «è l’unica che abbiamo riconosciuto, anche perché furono i NAR [Nuclei armati rivoluzionari, responsabili anche della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980] a rivendicare l’omicidio con un particolare che solo chi aveva sparato poteva conoscere. Al telefono dissero: “Abbiamo lasciato nell’appartamento una Beretta 7,65 che la polizia ha nascosto senza informare la stampa”. Quella pistola era rimasta davvero a casa nostra…».

A distanza di trent’anni, gli assassini non hanno un nome e lo Stato si è distinto solo per le sue reticenze, la manomissione e la scomparsa di prove, i consueti depistaggi a beneficio dell’estrema destra.

A distanza di trent’anni, i neofascisti rivendicano ancora l’omicidio imbrattando a Roma il murale che ricorda Valerio Verbano.

Noi non dimentichiamo.

Valerio Verbano: un’idea non muore mai

«Sia folgorante la fine» di Carla Verbano

Ma quel terrore «nero» è rimasto senza volto

I funerali di Valerio Verbano (video)

Valerio Verbano vive: un’idea non muore mai (video)

Posted in Generale.

Tagged with , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.