Skip to content


Il flop dei fasci e la carica dei gonzi


In Piazza della Repubblica ieri i “fascisti del terzo millennio” erano non più di 500 e forse qualcosa meno. Sapendo di essere sotto i riflettori, cercavano di apparire meno truci possibile: tricolori e bandierine, colonna sonora trendy, striscioni da Toscana, Torino, Verona ed Emilia, per una manifestazione nazionale che pareva una piccola fiera di paese (foto).

Proprio il flop dei neofascisti – tenuti su solo dai media di regime, dalle riviste patinate e dai giornali del padrone – rende ancor più grottesca la posizione di Sansonetti, Colombo & C., sempre pronti a strizzar l’occhio ai “ragazzi di CasaPound” e a tacere sulle violenze reali che si vivono le persone, sulle sopraffazioni legali di ogni tipo che avvengono in questo paese, e ovviamente sulle intimidazioni e aggressioni razziste, sessiste, squadriste.

Certo è che l’appello di questi sedicenti giornalisti (ma con la penna a senso unico) non è un dato inedito: questi gonzi frustrati nelle loro ambizioni di potere non sono nuovi a simili uscite. Vedi anche:

Andrea Colombo: collaborazionisti dentro Rifondazione Comunista

Sansonetti e i fasciofuturisti

Ancora “L’Altro” e i fasciofuturisti

D: [va] da sé, dunque…

Melma nera

Gli altri e i fascisti

Posted in Generale.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.