Skip to content


La macchina dei rastrellamenti


Quando si monta una macchina, l’uso che poi se ne fa può essere più ampio di quello originario. Chi crede che i rastrellamenti di «clandestini» non possano riguardare gli «italiani», può incominciare a scuotere le proprie certezze dinanzi al sindaco leghista di un paese trevigiano, Riccardo Missiato, che ha avviato la propria crociata contro i gay: «I gay sono malati e deviati, hanno bisogno di aiuto psicologico – dice il sindaco – dobbiamo scoprire dove sono e identificarli, e se sono clandestini devono venir espulsi. I cittadini li hanno visti sul Piave, sulla Pontebbana e nei parchi pubblici. Dire che queste pratiche sono vergognose è poco, siamo al degrado morale. E i gay non devono invadere la libertà altrui: sono stato a verificare, li ho visti che si appartavano».

Quando si monta una macchina, continua a funzionare e finanziarsi da sola. Le autorità libiche hanno «chiuso e svuotato» i lager per migranti e hanno rilasciato i 205 eritrei rinchiusi nel carcere di Al Biraq, chiedendo loro solo 800 dollari ciascuno. Le persone liberate sono state accompagnate a Sebah, 75 chilometri dal carcere, in pieno deserto, senza soldi e senza documenti, con solo un permesso di permanenza nel territorio libico valido 3 mesi. Ma, secondo una testimonianza pubblicata da Repubblica, «la polizia libica continua indiscriminatamente a fare veri e propri rastrellamenti in tutto il paese e a Tripoli, in particolare, dove proprio stamattina [15 luglio] sono stati catturati un altro centinaio di profughi eritrei e somali, in fuga dai loro paesi. Anche il loro destino sarà quello di essere presi in consegna da poliziotti, veri o falsi, che si arricchiscono chiedendo denaro in cambio di una libertà che non arriva mai».

Quando si monta una macchina, poi si deve educare qualcuno ad usarla. Pensate quanti poliziotti o carabinieri italiani, da Genova in poi, sono stati educati alla tortura sottobanco, all’angheria quotidiana verso chi è debole socialmente, all’impunità per ogni violenza o bugia. Pensate quanti addetti in carceri e CIE si allenano ogni giorno a una piena, completa disumanità verso altri esseri umani. Pensate ai soldati e mercenari italiani in teatri di guerra. Per diventare spontaneamente disumani occorre infatti un tirocinio, un esercizio costante, un’abitudine lungamente sedimentata.

Oggi siamo tutti più consapevoli che in Europa il fascismo è di nuovo possibile. Per abbattere la macchina occorre restare umani, sconfiggere la paura, praticare la solidarietà.

Posted in Generale.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.