Skip to content


2 agosto: la «pista introvabile» del revisionismo d’accatto


A un elegante incontro promosso da una deputata del PdL presso l’esclusiva Sala del Cenacolo della Camera e intitolato «Strage di Bologna: una storia da riscrivere?», il giudice Rosario Priore ha affermato che «la rappresaglia da parte del Fronte Popolare per la liberazione della Palestina è una chiave piuttosto utile per l’interpretazione della strage di Bologna».

Ma non solo. Anziché presentare elementi concreti o ipotesi specifiche, con la sua «chiave» Priore vola alto: «Bisogna rivedere l’intera storia italiana sulle stragi, in particolare su quella di Bologna. Le stragi sono un messaggio da governo a governo o da organizzazioni a governo. Il nostro governo per un certo tempo ha avuto buone orecchie, poi l’udito è calato».

Ora che la cosiddetta «pista palestinese» ha perso credibilità, che i pochi appigli su cui era imbastita sono risultati insussistenti, occorre davvero volare alto con la fantasia o con la malafede per far credere che tutte le quattordici stragi avvenute in Italia siano state «un messaggio da governo a governo», e non un’intimidazione da governanti a governati.

Certo, può essere comprensibile che qualche anziano funzionario dello Stato abbia il tic nevrotico di negare le responsabilità istituzionali nella «strategia della tensione», farneticando di «piste alternative» e «intrighi internazionali» o auspicando la scoperta forzosa di «piste imprevedibili».

Meno comprensibile è però che il revisionismo compulsivo sullo stragismo nero si manifesti sempre e soltanto nell’imminenza di commemorazioni e anniversari. Così i media di regime non possono sbagliarsi: non c’è che da trascrivere le formule pronunciate ogni anno in riservati salotti istituzionali come rito autoassolutorio di una classe politica torbida, ipocrita, incompetente, compiacente e feroce.

Come ha scritto a proposito del 2 agosto Stefano Tassinari nell’Amore degli insorti: «Lo Stato non si pente e i nomi non li fa».

Senza dubbio i mandanti della strage neofascista del 2 agosto 1980 non saranno trovati finché si continuerà a seguire questa comoda, confortevole «pista introvabile».

Del resto, che il segreto di Stato serva ordinariamente a coprire omicidi e stragi di Stato, ce lo insegna ora anche l’Afghangate.

Posted in Generale.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.