Skip to content


[BO] Enzo Raisi (Pdl) perde una buona occasione per tacere


Sulla strage del 2 agosto il postfascista Enzo Raisi ha dichiarato il 29 luglio al Corriere di Bologna: «non sono un investigatore di professione e quindi non sono un esperto del campo». Visto che da tantissimi anni Raisi si profonde nel negare la «matrice fascista» della strage del 2 agosto, magari dopo decenni avrebbe potuto documentarsi. Ma perché sforzarsi quando si possiedono già «certezze» precostituite e faziose! Così, eccolo dichiarare impavido al Corriere di Bologna: «La prima [certezza] è il terrorista Carlos, che ha ammesso che i suoi uomini erano coinvolti nell’attentato…».

Peccato che sia Carlos che Thomas Kram si siano dichiarati del tutto estranei alla strage, e Carlos la abbia imputata invece a «yankee, sionisti e strutture della Gladio» (ovvero alla CIA, al Mossad e a strutture militari italiane segrete che proteggevano organizzazioni neofasciste…).

Insomma, anche quest’anno Raisi ha perso una buona occasione per tacere e non prodursi nelle sue solite insulse provocazioni.

Posted in Generale.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.