Skip to content


È legge: 18 mesi nei CIE per chi è senza documenti

da Fortress Europe

Giusto in tempo prima della chiusura per ferie fino al 12 settembre, il Senato ha oggi convertito in legge il decreto rimpatri, già approvato dalla Camera lo scorso 14 luglio. Con 151 voti favorevoli e 129 contrari. Il limite massimo della detenzione nei centri di identificazione e espulsione (CIE) passa quindi da 6 a 18 mesi. Per la promulgazione della legge, tecnicamente manca soltanto la firma del presidente della repubblica Giorgio Napolitano e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Di fatto però la norma è già applicabile, in virtù del decreto legge approvato dal governo lo scorso 17 giugno. Tanto per capirci, nei CIE di Milano, Bologna e Torino – per limitarci ai soli casi di cui abbiamo notizia certa – nelle ultime tre settimane abbiamo assistito ad almeno 7 proroghe oltre il sesto mese.

All’interno dei CIE, i reclusi hanno accolto la notizia con molta angoscia. Nessuno riesce a spiegarsi come sia giustificabile passare 18 mesi dietro le sbarre per un permesso di soggiorno scaduto o per un viaggio senza passaporto. Nemmeno gli ex detenuti riescono a capire come sia possibile che servano 18 mesi di detenzione per identificarli dopo che sono stati giudicati dai tribunali italiani e dopo che sono già stati detenuti, a volte per anni, nelle carceri di questo paese.

L’unica nota positiva della giornata è l’approvazione di un ordine del giorno proposto dall’opposizione che impegna il governo a ritirare la circolare 1305 che vieta l’accesso dei giornalisti ai CIE e ai CARA. Ma è davvero una magrissima consolazione in questa giornata che segna una delle pagine più tristi della politica italiana. Se non altro però, appena ripristinato il diritto di cronaca (i tempi saranno con tutta probabilità lunghissimi!) ce ne serviremo per continuare a raccontare le lotte che inevitabilmente scoppieranno nei CIE.

Perché, su questo c’è da scommetterci, ci aspetta un’estate molto calda.

Aggiornamento 3 agosto 2011
Per chi fosse interessato, sul sito del Senato si può scaricare il resoconto dell’assemblea e il video della seduta numero 595. Tutto materiale molto istruttivi per capire quanto in basso stiamo precipitando.

Posted in General.

Tagged with , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.