Skip to content


[Roma] I neofascisti dello zero virgola

Nonostante il consueto vittimismo su cui avevano giocato la propria tediosa campagna elettorale, a Roma i neofascisti di CasaPound non vanno oltre il solito zero virgola prendendo solo qualche migliaio di voti, cioè quelli delle clientele del sottobosco nero garantito in questi anni da favori e sovvenzioni del sindaco Alemanno…

Ma i neofascisti sono bravi con gli imbrogli della burocrazia. Se CasaPound riceve illecitamente 41 mila euro del 5 per mille, i neonazisti del quotidiano «Rinascita» hanno invece gonfiato le vendite per ottenere i contributi dello Stato all’editoria: truffa da 2,3 milioni di euro…

Redazione centrale a Roma, altre cinque sedi in Italia (Milano, Verona, Sora, Caserta, Napoli), una all’estero (Belgrado) e due corrispondenti a Dublino e Parigi, «Rinascita» sostiene posizioni neonaziste e negazioniste con i soldi pubblici.

In più, il consiglio di amministrazione di «Rinascita» avrebbe anche falsamente attestato la vendita di 934.632 copie del giornale, quando a distribuirlo erano due imprese di pulizia e disinfestazione che, in realtà, esistevano solo sulla carta.

L’astuto direttore del quotidiano, Ugo Gaudenzi, aveva iniziato la sua vita pubblica come esponente di «Primula goliardica», protagonista della stagione del Nazimaoismo, un’area di ispirazione antisemita e neofascista.

Posted in General.

Tagged with , , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.