Skip to content


Bignami: «Non sciupate lo scontrino»

Come allegra vendetta contro la locandina fascista esposta in alcune panetterie del centro, eccone una nostra riedizione dedicata al postfascista Galeazzo Bignami che non solo ha al suo attivo 39mila euro di «spese pazze» in Regione, ma raccoglieva ovunque scontrini da 30 centesimi per incassare poi il «legittimo» rimborso chilometrico!…

mussolini-festa-del-pane-panificatori-italiani

Posted in General.

Tagged with , .


One Response

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

  1. Tom says

    Fin dai primordi i fascisti sono stati spesso dei ladruncoli:

    “Si svaligiano e si devastano cinque circoli socialisti, di cui uno a quattro ed un altro a dodici chilometri da Ravenna. Dal circolo «Aurora» ch’è nel numero scompaiono una bicicletta, i vestiti e la biancheria del custode. S’invade altresì un circolo di divertimento e si bastonano i presenti. Alla Camera del lavoro è lo stesso: si entra a forza, si devasta e abbatte tutto, e intanto scompaiono poche centinaia di lire, una macchina da scrivere e il ciclostile. Poi è la volta della Federazione delle Cooperative. La porta è chiusa e allora si entra con le scale dalla finestra, col pretesto d’apporvi il tricolore. Il Commissario di P. S., ch’è lì con duecento militi ai suoi ordini, ne lascia il permesso. Ma i fascisti dalla finestra invadon l’interno e gettan sulla via registri, libri e carte d’amministrazione. Qualcuno asporta un arazzo di molto valore esposto al balcone: trofeo di guerra!”

    L. Fabbri, La controrivoluzione preventiva



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.