Skip to content


L’Ungheria di Orbán sempre più nazistoide

In Ungheria prosegue la deriva autoritaria e razzista scaturita dal trionfo elettorale del partito di centrodestra Fidesz.

Ora il premier Victor Orbán vorrebbe reintrodurre la pena di morte, ovviamente per ragioni patriottiche e xenofobe:

«L’Ungheria non si ferma davanti a niente quando si tratta di difendere i propri cittadini».

Secondo il premier Orbán, che proviene – guarda caso! – dal mondo delle banche e del liberismo finanziario, occorre ormai equiparare i migranti con i terroristi e aprire campi di internamento per immigrati «clandestini» in cui vengano costretti a lavorare gratis.

Non è un mistero che, per gestire la crisi economica, i ceti dirigenti europei abbiano oggi due possibilità: la socialdemocrazia corporativa e autoritaria, oppure il totalitarismo nazistoide, nazionalista e razzista. Ma sono i lati diversi di una stessa medaglia.

Posted in General.

Tagged with , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.