Skip to content


[BO] Ancora ronde neonaziste in Bolognina

Qualche tempo fa i media hanno cominciato a parlare di un immaginario «racket dei pachistani» che in Bolognina avrebbe danneggiato negozi di «italiani» per rilevare le loro attività.

Poi le cosiddette «spaccate» sono arrivate anche in zone più centrali della città: in Piazza Aldrovandi, in Piazza della Mercanzia, in Via San Vitale, in Via Murri. Sono scorrerie rischiose con pochi e incerti guadagni. Non ci voleva molto a capire che dietro questi episodi c’è la crescente miseria sociale, la mancanza di prospettive, lo spaccio di droga per tener buono chi non ha niente. Più si aggrava la crisi economica, più questi fenomeni si moltiplicheranno.

E infatti nessun giornale ha più fatto parola del misterioso «racket dei pachistani», come era finito subito nel dimenticatoio anche il fantastico «racket dei lavavetri» inventato nel 2007 dal sindaco Cofferati…

Ora però, approfittando della propaganda razzista dei media di regime, ecco che i neonazisti bolognesi di Forza Nuova hanno organizzato nuove ronde in giro per la Bolognina in favore delle «attività commerciali gestite da italiani» e per difendere un «tessuto sociale devastato dall’immigrazione selvaggia».

Riteniamo un fatto grave che in Bolognina si organizzino ronde razziste effettuate solo per diffondere odio e ignoranza. Ed è ancor più grave che vi sia dietro un partito come Forza Nuova i cui militanti si sono distinti, anche a Bologna, per violenze e pestaggi.

Chi semina vento raccolga tempesta!

Posted in General.

Tagged with , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.