Skip to content


Bologna, Maradagàl

Per fare la caricatura del regime fascista, nella Cognizione del dolore Carlo Emilio Gadda raccontò delle verdi colline del Maradagàl infestato da un potente «Nistitùo de Vigilancia para la Noche» che assoldava reduci di guerra in bicicletta per vigilare sulle ville e i lieti commerci dei possidenti…

E ci vorrebbe davvero un Gadda per cantare le gesta impavide del nuovo «Nistitùo de Vigilancia» che l’Associazione Commercianti di Bologna ha finanziato e promosso a difesa dello shopping legittimo e contro la grama concorrenza dei commercianti abusivi.

Con sgargianti pettorine gialle e pistoloni nella fondina, i «vigilantes» dell’Associazione Commercianti percorreranno in coppia i portici di via Indipendenza tutti i fine settimana dalle 16 alle 20 e poi, in bicicletta o in scooter, si aggireranno instancabili per le strade della Bolognina da mezzanotte alle cinque di mattina…

Secondo Giancarlo Tonelli, mandatario dell’Associazione Commercianti, «bisogna non solo denunciare, ma anche intervenire».

Certo che, se ognuno fa la sua ronda, a Bologna ci potrebbe essere proprio una bella baraonda.  Per dirla con il grandissimo Leopardi:

Come caschi, o Bologna,
da tanta altezza in così basso loco?
Nessun pugna per te? non ti difende
nessun de’ tuoi? L’armi, qua l’armi: io solo
combatterò, procomberò sol io.

Posted in General.

Tagged with , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.