Skip to content


[BO] Umberto Eco e i clown postfascisti

Nel ricordare Umberto Eco in consiglio comunale erano davvero in pochi: non c’era la giunta, né il sindaco, e poco male…

Ma c’era un consigliere di Forza Italia che, al fine di controbilanciare il «rosso» (!?) Eco, ha voluto ricordare anche il fu Piero Buscaroli e poi un’acida leghista che ha elogiato invece la fu Ida Magli perché antislamica, patriottica e identitaria.

Questo Buscaroli era uno di quei patetici vegliardi che del Fascismo e di Salò rivendicavano tutto e non disconoscevano niente. Nel 1994, intervistato dal «Corriere della Sera», Buscaroli affermò che la destra avrebbe dovuto chiamare gli omosessuali «correttamente froci o checche» e che «andrebbero tutti spediti in campo di concentramento». Nel 2005, in una trasmissione televisiva nel sessantennale del 25 aprile, dichiarava impavido: «Non mi considero un “reduce”, un “orfano di Salò”, sono un superstite della Repubblica Sociale Italiana in territorio nemico». Infine è morto, dopo lunga, estenuante idiozia

Queste sono le commemorazioni bipartisan in consiglio comunale…

Posted in General.

Tagged with , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.