Skip to content


Solidarietà con chi subisce la repressione per le mobilitazioni antifasciste di febbraio!

Sei mesi fa, un lungo febbraio antifascista di mobilitazioni popolari legava insieme Genova, Macerata, Bologna, Piacenza, Torino e Palermo, rendendo evidente tutto il cinismo, l’ipocrisia, l’inutilità della “sinistra” istituzionale, completamente asservita al mercato e alla propaganda nazionalista e securitaria.

È stato un febbraio di contestazione radicale delle politiche autoritarie e razziste, non solo contro il populismo reazionario della Lega Nord, ma anche contro la “sinistra” neoliberista incapace persino di portare in Parlamento uno straccio di ius soli corretto con tutti i codicilli “culturali” del paternalismo razzista e neocoloniale.

Nel febbraio scorso, decine di migliaia di persone sono scese in piazza per dire «Né questo né quello!». È stata una scommessa forte e coraggiosa, e oggi la “sinistra” istituzionale si trova ridotta di fatto all’insignificanza. Ma adesso il gioco si fa duro e difficoltoso perché si tratta di resistere e contrastare l’autoritarismo fascistoide e razzista di questo governo senza ridare alcuno spazio a una “sinistra” istituzionale che ha mostrato di non volere né sapere difendere neanche un barlume di libertà, eguaglianza e giustizia sociale.

Ora occorre sviluppare e portare a compimento le mobilitazioni di febbraio e la nostra piena solidarietà va anzitutto a coloro che subiscono le vendette giudiziarie del potere costituito per le mobilitazioni antifasciste di migliaia e migliaia di persone: solidarietà agli antifascisti sanzionati a Bologna, a Piacenza, a Torino, a Moustafa Elshennawi colpevole di resistere, alla docente licenziata per essersi espressa contro le violenze della polizia, e a Nicolò che è trattenuto in carcere solo perché non mostra dispiacere per i fatti accaduti in città.

Si accaniscono così perché capiscono che c’è una forza e una determinazione sociale che si è espressa pubblicamente, con pacata fermezza e che porterà fino in fondo le sue ragioni e la sua lotta. Né questo né quello! Non un passo indietro!

Posted in General.

Tagged with , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.