Skip to content


[Mali] Sette ferrovieri, senza salario da 11 mesi, morti in sciopero della fame

Nonostante i “sovranisti di sinistra” cerchino di rispolverare la “questione nazionale” e di declinare la lotta contro il neoliberismo in senso identitario e autoritario, il conflitto è ovunque lo stesso e solo la solidarietà e la rivoluzione internazionale potrà davvero cambiare le cose. Riceviamo e condividiamo un intervento di Gianni Sartori.

MALI: SETTE FERROVIERI – SENZA SALARIO DA 11 MESI – MORTI IN SCIOPERO DELLA FAME
di Gianni Sartori

Così come Guccini quando cantava del suo macchinista ferroviere, anch’io “non so che viso avesse”.

Conosco invece, non solo “l’epoca dei fatti”, ma anche “come si chiamava”.

Mahamadi Sissoko, deceduto il 5 febbraio, è già il settimo ferroviere morto in sciopero della fame a Kita (Mali).

La protesta era iniziata due mesi fa per reclamare oltre dieci (ormai quasi undici) mesi di salario non corrisposto. La prima vittima dello sciopero (a cui partecipano quasi 500 ferrovieri) risale al 18 dicembre 2018. Tuttavia soltanto dopo questo settimo decesso lo Stato del Mali ha proposto il pagamento di tre mensilità. Incontrando però la legittima contrarietà del sindacato e dei lavoratori che – sentendosi “presi in giro” – hanno lanciato la parola d’ordine “O il pagamento integrale dei salari arretrati o la morte”.

La scoperta di aver lavorato sostanzialmente a gratis per 11 mesi (senza venir pagati dal “datore di lavoro”, lo Stato del Mali) ha messo i ferrovieri di fronte a un problema molto attuale: “Se diventa normale lavorare senza essere pagati, dove andremo a finire?”.

O magari, suggerisco: “Dove siamo già andati a finire?”.

Consapevoli di non aver ormai “niente da perdere” digiunano per rivendicare il diritto al rispetto, alla dignità.

La loro lotta – eroica, combattiva, definita “esemplare” – evoca quella analoga dello sciopero della fame condotto nel 1947 da oltre 20mila ferrovieri della linea Dakar-Bamako. Durata ben 160 giorni, si concluse con la vittoria – per quanto pagata a caro prezzo – dei lavoratori.

Come allora, al fianco dei ferrovieri si sono schierati tutti i familiari. Particolarmente determinate le donne – madri, mogli e figlie – dei ferrovieri che il 13 febbraio hanno manifestato a Kayes portando uno striscione con la scritta “J’ai faim, 10 mois sans salaire”.

Gianni Sartori

Posted in General.

Tagged with , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.