Skip to content


Piovano pietre… piovano scarpe… piovano…

Continuano le violenze contro la popolazione curda per mano dell’esercito turco armato dall’Europa. Riceviamo e condividiamo un aggiornamento di Gianni Sartori.

PIOVANO PIETRE… PIOVANO SCARPE… PIOVANO…
di Gianni Sartori

È passato solo un mese dalla brutale uccisione di Hevrin Khalaf, co-presidente del partito Futuro della Siria, e già sembra che lei sia stata dimenticata. L’indignazione per questo delitto ha riempito le cronache solo per qualche giorno, poi è stata fatalmente oscurata da ulteriori brutalità commesse dalle truppe turco-jihadiste.

Ma chi non potrà dimenticarla è sua madre a cui era pervenuta un’ultima telefonata. Subendo l’estrema violenza di dover ascoltare e comprendere quanto stava accadendo sull’autostrada M4, nei pressi del villaggio di Tirwazi. Qui, tra Suluk e Tall Tamer, il 12 ottobre Havrin era stata catturata dai lanzichenecchi di Ankara e quindi violentata e lapidata.

L’8 novembre la mamma della trentacinquenne assassinata era in prima fila per protestare contro le pattuglie turco-russe che percorrono, rastrellano la regione di Derik e di Girke Lege, nel cantone di Qamishlo. Portava nelle mani alcune pietre e una scarpa della figlia torturata e assassinata.

Ovviamente ha scagliato sia le pietre che la scarpa (in Medio oriente un gesto universalmente inteso come espressione di massimo disprezzo per chi lo subisce; ricordate quelle lanciate contro Bush…?) contro i blindati.

“Sembrava quasi – ha commentato una compagna curda presente – una versione tragica della favola di Cenerentola…”.

Manifestazioni analoghe si sono svolte in altre località del Rojava e a Derik un giovane curdo, Serxwebun Ali, è morto dopo essere stato investito da un blindato delle pattuglie congiunte.

O almeno questo era emerso in un primo momento. È invece possibile – come sostengono altre fonti – che i soldati della pattuglia mista abbiano sparato intenzionalmente sulla folla. E stando alle medesime fonti il cadavere di un altro manifestante ucciso dai soldati sarebbe stato portato all’obitorio di Derik.

In precedenza una decina di persone che protestavano contro i pattugliamenti erano rimaste seriamente ferite per il lancio di lacrimogeni non a parabola ma direttamente sulla folla.

Gianni Sartori

Posted in General.

Tagged with , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.