Skip to content


[BO] altro sfregio alla memoria partigiana


Ripubblichiamo da Incidenze la notizia di un altro sfregio alla memoria partigiana in Bolognina. Già nel 2007 un gruppuscolo neofascista fece le sue prime prove contro le lapidi che ricordano la lotta antifascista, allora nell’imminenza del 1 maggio (vedi qui e qui) e oggi la notte prima dello sciopero generale del 1 marzo.

Bologna: un altro sfregio alla memoria dei partigiani

Nel corso della notte, alla Bolognina, la corona d’alloro che decorava la lapide in memoria di due partigiani assassinati dai fascisti nel luglio 1944 – Bruno Monterumici e Vasco Mattioli – è stata asportata e ridotta in pezzi.

Ecco il testo della lapide:

«Nel sanguinoso travaglio popolare
del secondo Risorgimento italiano
balzati dalle cellule clandestine
sono morti sapendo di morire
nella consapevole dura scelta
del sacrificio dell’onore e della dignità
Bruno Monterumici e Vasco Mattioli
8 settembre 1943 – 21 aprile 1945».

Questo sfregio si inserisce in un clima – favorito dal pernicioso «sdoganamento» del fascismo e della sua apologia – in cui si intensificano i tentativi (istituzionali e/o «militanti») di «riabilitare», legittimare e, per così dire, «abbellire» le imprese fasciste, affiancati da una recrudescenza delle aggressioni fasciste e razziste. E da atti di squadrismo simbolico, che trovano una delle loro forme principali nell’oltraggio, nell’asportazione, distruzione e/o danneggiamento delle tracce di memoria in onore della Resistenza.




Anpi: rimossa corona in memoria di partigiani
(da Repubblica)

La condanna dell’associazione: escalation di episodi di questo genere

Rimossa la corona d’alloro in memoria di Monterumici e Mattioli: lo rende noto l’Anpi di Bologna, preoccupato per la sempre maggiore frequenza di questi episodi. “Negli ultimi tempi si vanno ripetendo in città episodi oltraggiosi nei confronti di testimonianze del sacrificio costato per la conquista della libertà e della democrazia. L’altra notte è stata rimossa e distrutta la corona di alloro nella lapide posta in via Di Vincenzo angolo via Tibaldi, in ricordo dei partigiani Bruno Monterumici e Vasco Mattioli, ambedue trucidati il 5 luglio 1944 dalle brigate nere ed i loro corpi abbandonati nella pubblica via”, scrive l’associazione in una nota.

“Il gesto delinquenziale fa seguito al recente imbrattamento della targa stradale ai giardini Margherita dedicata a Dante Drusiani, medaglia d’oro al valor militare”. L’Anpi condanna “con sdegno tali gesti di viltà ed indica ai giovani i valori della Resistenza e dell’antifascismo”.

Posted in Generale.

Tagged with , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.