Skip to content


[RA] lun 31 maggio h.8: presidio davanti al Tribunale di Ravenna


Il Nodo Sociale Antifascista di Bologna esprime piena solidarietà ai compagni sotto processo il 31 maggio a Ravenna. È inconcepibile che vengano messi sotto accusa coloro che non fanno un passo indietro bensì credono e portano avanti idee giuste e condivisibili di antirazzismo e uguaglianza. Per un mondo libero da ogni forma di fascismo (di stato e non).

Questo è il comunicato diffuso dal Coordinamento Antifascista Romagnolo (da Romagnantifa):

A Ravenna è iniziato un processo contro due attivisti antirazzisti che parteciparono ad un’importante lotta a fianco degli immigrati di Lido Adriano nel giugno del 2008, mentre si svolgevano le elezioni per la Consulta degli immigrati. La Questura autorizzò alcuni fascisti ad entrare durante le operazioni di voto degli immigrati per volantinare e urlare slogan razzisti. Di conseguenza un provocatore di estrema destra venne giustamente respinto da due militanti antifascisti in prima fila nel presidio di massa nato spontaneamente per impedire tale propaganda razzista.

Fascismo e antifascismo non si possono mettere sullo stesso piano. Non si può accettare che i valori della solidarietà, dell’uguaglianza, della difesa dei diritti contro il razzismo di Stato, debbano essere processati.

La provocazione fascista non doveva essere autorizzata. Questa è la questione centrale.

Quel presidio riuscì a creare solidarietà tra lavoratori italiani e lavoratori immigrati, tra giovani italiani e giovani stranieri. Quel presidio fermò l’ignobile pagliacciata fascista. Questo vergognoso processo è l’ulteriore prova che le istituzioni “democratiche” tutelano e difendono i neofascisti e reprimono gli antifascisti.

LUNEDÌ 31 MAGGIO
ORE 8
presidio davanti al Tribunale di Ravenna

Solidarietà a tutti gli antifascisti e antirazzisti colpiti dalla repressione!
Solidarietà con gli immigrati prigionieri nei lager di Stato dei CIE!

Coordinamento Antifascista Romagnolo

Posted in Generale.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.