Skip to content


Iniziative contro i CIE e il razzismo di Stato


Mentre in Francia prosegue la marcia a piedi
dei Sans-Papiers da Parigi a Nizza che si concluderà a fine maggio (guarda il video del 15-16 maggio), in Italia si moltiplicano le iniziative antirazziste contro i CIE, le deportazioni e i respingimenti.

Giovedì 27 maggio a Bologna si terrà un presidio contro il CIE di via Mattei dalle 18:30 in Piazza Verdi (vedi Noinonsiamocomplici). Scarica e diffondi il volantino dell’iniziativa!

A Roma dal 21 al 29 maggio si svolge una settimana contro i CIE con
diverse espressioni di protesta: presidi, manifestazioni, proiezioni, concerti, azioni… (vedi nocie). Questi gli appuntamenti romani più importanti:

Giovedì 27 maggio, ore 16.00, a piazza dell’Esquilino vi sarà l’assedio al Ministero dell’Interno.

Sabato 29 maggio, dalle 15.00 alle 19.00, un presidio di solidarietà con i reclusi e le recluse del CIE di Ponte Galeria.

In Toscana si svolgeranno vari presidi organizzati dal Coordinamento anarchico toscano e da vari gruppi e individualità per dire no alla costruzione di un CIE nella regione e per la chiusura degli altri lager sparsi per l’Italia (vedi gli appuntamenti in anarchicipistoiesi).

Domenica 30 maggio a Parma, dalle ore 10, vi sarà un punto informativo in piazzale Matteotti contro i Cie e le espulsioni.

Mercoledì 2 giugno, alle 16, nell’ambito del Festival sociale delle culture antifasciste (Bologna, 28 maggio − 6 giugno) si terrà un tavolo di discussione su Lager e deportazioni nella “fortezza Europa” (vedi Noinonsiamocomplici). Il Festival sarà un’occasione importante per tessere relazioni e costruire progettualità comuni che possano poi tradursi in spazi di mobilitazione e d’intervento collettivo.

Martedì 8 giugno a Milano si terrà l’incidente probatorio, durante il quale si troveranno faccia a faccia Joy, Hellen e Vittorio Addesso. Quell’udienza chiama tutte e tutti a fare una scelta di parte, ad opporsi e ad essere presenti alle 14.30 sotto il Palazzo di giustizia di Milano per un presidio di solidarietà (più dettagli su Noinonsiamocomplici).

Sabato 19 giugno a Modena corteo contro i centri di detenzione per migranti, contro chi li gestisce, contro le deportazioni, contro Frontex, contro il razzismo di Stato (vedi Macerie).

Intanto il 24 maggio a Bologna i sequestrati nel CIE di via Mattei hanno bruciato vesti e masserizie per protesta.

Posted in Generale.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.