Skip to content


Proseguono le mobilitazioni contro i CIE


«Se la legge è di tal natura da richiederti di essere un agente dell’ingiustizia verso gli altri, allora, dico, infrangila. Che la tua vita faccia frizione e arresti la macchina».

Henry David Thoreau

Dopo la manifestazione di Modena (resoconti: Zic, Noinonsiamocomplici e Albanianews – dibattito su Indymedia Emilia-Romagna: 1, 2, 3, 4) e quelle sull’Adriatico (qui i resoconti) continuano le mobilitazioni contro i CIE, il razzismo di Stato, le deportazioni e i respingimenti:

– a Firenze sabato 3 luglio si terrà un presidio-festa per mobilitarsi fin da subito contro la costruzione di un nuovo CIE in Toscana (leggi il testo d’indizione).

– a Torino sabato 10 luglio si svolgerà un corteo contro i CIE cui seguirà un concerto davanti alle mura della prigione per migranti di corso Brunelleschi (più dettagli su no-cie).

Si può inoltre firmare qui la petizione on line per la chiusura dei CIE.

Oggi non si possono chiudere i CIE senza sconfiggere il razzismo diffuso, non si può sconfiggere il razzismo diffuso senza demolire il razzismo di Stato e i CIE. Occorre trovare un patto d’azione che sappia unire metodologie e pratiche differenti. Senza fronti unitari, ciascuno con le sue modalità, ma con unità di intenti e la consapevolezza della situazione di crescente barbarie e sfruttamento che opprime e devasta il mondo. E che rende urgente una risposta credibile e rivoluzionaria.

Posted in Generale.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.