Skip to content


CasaPound tra squadrismo reale e vittimismo mediatico

Nulla di nuovo. Dopo i travestimenti culturali e le palline colorate nelle fontane, CasaPound torna ad essere quello che è sempre stato: un gruppo di picchiatori neofascisti in cerca di padrini politici, favorito e protetto dalle forze dell’ordine, coccolato dalla “stampa democratica”, accolto e sdoganato da amministrazioni destre e sinistre. La riverniciatura “culturale” è durata finché la destra al governo garantiva fondi, favori, spazi, affari. Ora restano solo le spranghe.

AGGRESSIONE FASCISTA A CASALBERTONE: CHIUDERE I COVI FASCISTI!

Un piccolo resoconto dei fatti: alle ore 14 un gruppo di una decina di fascisti si è presentato davanti ai magazzini popolari di Casalbertone armato di caschi e bastoni, aggredendo i due presenti. L’aggressione è stata fortunatamente contenuta dallo spirito antifascista del quartiere che dai balconi ha iniziato a lanciare vasi contro i fascisti.

I carabinieri, presenti sul luogo, si sono limitati ad osservare e lasciare andare via liberamente gli aggressori identificando invece i compagni aggrediti. Al solito, la polizia si dimostra il loro migliore
alleato.

A tal proposito CasaPound, e molti media, riportano la fantasiosa notizia di un’intimidazione ai danni della madre di un fascista; episodio di cui non si capiscono circostanze, testimoni, motivazioni. La risposta del quartiere e della Roma antifascista non si è fatta attendere, con un corteo spontaneo per le vie del quartiere. Anche qui, i fascisti non hanno perso tempo per aggredire, dopo essere cresciuti di numero in modo sospettosamente rapido. È da notare come durante l’aggressione sono state usate mazze, bastoni, accette e picconi, e che le loro aggressioni sono state attivamente supportate dalla polizia tramite il lancio di lacrimogeni contro gli antifascisti. Addirittura hanno usato un furgone in cui depositare le armi, con un “addetto” al rifornimento di oggetti contundenti. (il video [3] mostra bene quanto detto, e in quest’altro [4] si vede bene il massiccio uso di armi).

CasaPound continua a barcamenarsi tra una facciata “culturale” e impegnata nel sociale, e una pratica reale di aggressioni e intimidazioni. Guarda caso, una settimana esatta dopo la loro candidatura per le comunali romane, si rendono protagonisti di un’aggressione ad Ostia.

Il loro arrivo a Casalbertone, del resto, è stato immediatamente seguito da aggressioni nel quartiere [5] che i fascisti hanno tentato di nascondere dietro a un “circolo romanista”. Casalbertone del resto è stato chiarissimo: CasaPound se ne deve andare.

Links:
——
[1]
http://www.youreporter.it/video_casalbertone_scontri_nuovo_23_03_2012_la_preparazione
[2]
http://www.youreporter.it/video_guerriglia_casalbertone_23_03_12_CARICA
[3]
http://www.youreporter.it/video_guerriglia_casalbertone_23_03_12_CARICA
[4]
http://www.youreporter.it/video_guerriglia_casalbertone_32_03_12_2
[5]
http://www.daxresiste.org/wp-content/uploads/2012/01/dossier-aggressione_casalbertone.pdf

Posted in General.

Tagged with .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.