Skip to content


Guido Picelli, le battaglie del “Che” di Parma

Il primo agosto di novant’anni fa la città emiliana sconfisse e cacciò gli squadristi inviati da Mussolini. Fu il più importante episodio di opposizione armata al fascismo pre-Resistenza. Dietro le barricate uomini e donne, anarchici e cattolici. Comandati da un guerrigliero pacifista che avrebbe voluto fare l’attore.

di GIANCARLO BOCCHI

Nell’estate del 1922 ha trentatré anni. È alto, occhi cerulei, luminosi e magnetici, baffi “all’americana”. Veste quasi sempre di scuro, portamento elegante, modi garbati. Da ragazzo Guido Picelli non pensava alla rivoluzione, inseguiva sogni d’artista: recitava sui palcoscenici di provincia, girava l’Italia, a fianco di Ermete Zacconi partecipò a uno dei primi film del cinema muto italiano. Ora invece si ritrova capopopolo, uno poco incline ai dibattiti teorici ma che sa combattere con coraggio. Per il pane, il lavoro, la giustizia sociale. E che da tempo ha in testa una parola sola, “unità”: “La salvezza del proletariato sta solamente nella valorizzazione delle sue forze effettive, nell’unità” scrive. Leggi tutto su Repubblica Parma.

Posted in General.

Tagged with , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.