Skip to content


Adinolfi: «A questo punto preferisco il Ku Klux Klan…»

CasaPound, sempre feconda di denunce vittimistiche e falsificanti, ha querelato una esponente del PD dichiarando: «Noi non siamo razzisti».

Ma questi «bravi ragazzi» di giorno e squadristi di notte presentano una facciata di attivismo socio-culturale soltanto per nascondere meglio un’organizzazione verticistica a più livelli e un’ideologia esoterica e nazistoide.

Basti dire che le fotografie di militi di CasaPound durante una festa multietnica fra gli sfollati dal terremoto in Emilia Romagna, ha provocato l’indignazione del loro guru indiscusso, Gabriele Adinolfi. Che l’ha definita un «sabba mistoculturale», intimando di non confondere «il sotto e il sopra, il nord e il sud e andare scriteriati a esprimere buonismo globalista».

Anzi, ha aggiunto: «A questo punto preferisco il Ku Klux Klan…».

Basta grattare anche solo un poco la superficie di certi slogan come «antiglobalismo», «noi siamo identitari», «prima gli italiani», per ritrovare la dottrina razzista e stragista che ha armato la mano di Gianluca Casseri.

E ora CasaPound Firenze apre anche una foresteria abusiva per ospitare in città i camerati di passaggio, in perfetto anonimato…

Posted in General.

Tagged with , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.