Skip to content


Alba Dorata Italia si presenta alle elezioni regionali lombarde

Violenze, omicidi e razzismo a parte, il neonazismo italiano ha dimostrato in questi anni tutta la sua incapacità politica.

Sovvenzionato dai poteri forti, incensato dai giornali borghesi di destra e di sinistra, protetto dalle Questure, il neonazismo italico non è riuscito davvero a crescere nella società e basta considerare i numeri effettivi della recente manifestazione di CasaPound a Roma per rendersene conto.

Così ora arriva in Italia anche la succursale dei neonazisti greci di Alba Dorata che intendono presentarsi alle elezioni regionali lombarde. Il programma è quello canonico: xenofobia, populismo nazionalista e pestaggi a piacere…

Così dichiara il segretario nazionale Alessandro Gardossi, passato attraverso la Lega Nord e Forza Nuova:

«Pronti a ripulire la Lombardia dall’immigrazione selvaggia e delinquenziale, dalla corruzione e dalle mafie. Pronti a trasformarla in un cantone autonomo dotato di una moneta locale in attesa che ritorni la nuova lira».

Hanno aperto sedi in cinque città lombarde: Milano, Lodi, Varese, Brescia, Mantova.

Il vicesegretario nazionale è l’ex leghista Andrea Bubba, e i candidati a governatore della Lombardia sono il segretario regionale, Daniele Granata, 41 anni, di Varese, operatore nella comunicazione; il segretario milanese, Giorgio Borghesi, 51 anni, titolare di un’agenzia di viaggi, e Antonio De Domenico, 45 anni, di Brescia, autista ed ex sindacalista autonomo.

A occhio, sembrano i soliti politicanti alla Marconcini che, non avendo trovato spazio in partiti già esistenti, ci provano con l’estrema destra razzista.

Posted in Senza categoria.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.