Skip to content


Outlaw, ovvero il reato d’opinione

È cominciata ieri a Bologna la fase dibattimentale del processo contro ventuno attiviste e attivisti anarchici – alcuni dei quali avevano partecipato anche al percorso dell’Assemblea Antifascista Permanente – accusati di aver organizzato o partecipato a una presunta «associazione a delinquere con finalità eversive», ma senza incriminazione per reati specifici. Ieri infatti si è parlato soprattutto di volantinaggi, presidi, striscioni, scritte sui muri, «imbrattamenti».

Si tratta di un processo che in realtà persegue le idee e non fatti concreti, reintroducendo surrettiziamente una sorta di reato d’opinione.

In Europa la libertà di opinione e il diritto di resistenza sono stati sanciti nella Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino del 1789.

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Per questo è importante presenziare alle udienze. Qui il calendario delle prossime sedute.

Posted in General.

Tagged with .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.