Skip to content


Clelia Premoli (Milano 1899-Milano 1974)

È importante ricordare i nomi di chi ha combattuto contro l’oppressione, l’autoritarismo, il fascismo. Altre brevi biografie qui e qui e qui

Clelia Premoli (Milano 1899-Milano 1974)

A sedici anni lavora alla Pirelli e fa attività contro la guerra insieme al suo compagno Ugo Fedeli e ai giovani gruppi anarchici della città. Prende parte all’occupazione delle fabbriche a Milano nel Biennio rosso e all’organizzazione di attentati di protesta per l’arresto di Malatesta e altri redattori di «Umanità Nova». Fuoriuscita prima in Germania e poi in Francia, ne è espulsa nel 1929 e ripara a Montevideo. Costretta a fuggire anche da lì, segue il compagno nelle isole del confino, dove i due perdono, a causa delle sofferenze patite, il figlio Ughetto di otto anni (la più giovane vittima del confino fascista); in seguito partecipa alla lotta antifascista in Abruzzo e alla ricostituzione del movimento prima a Milano, poi a Carrara, infine a Ivrea. Insieme a Fedeli si cura di conservare una gran mole di materiale documentario sul movimento, ora consultabile presso l’Istituto internazionale di storia sociale di Amsterdam.

Posted in Senza categoria.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.