Skip to content


La Ruspa bipartisan

Che la classe politica stia convergendo nel Partito Unico della Nazione è un fatto sotto gli occhi di tutti.

C’è il neofascista Adriano Tilgher, già inquisito per le stragi del treno Italicus e della stazione di Bologna, che attualmente sostiene il candidato del PD Vincenzo De Luca in nome di una «magnifica contaminazione»…

C’è la Lega Nord che continua pervicacemente a dichiararsi «antifascista», ma tiene sul proprio libro paga i mazzieri neofascisti di CasaPound schierati anche a Foggia a difesa del gerarca padano…

C’è l’ex leghista nero Manes Bernardini che ora sostiene un candidato renziano del PD a sindaco di Bologna…

Ormai il trasformismo bipartisan è una strategia di sopravvivenza di una classe politica che sa solo rubare ai poveri per dare ai ricchi.

Ma al di sotto del circo variopinto e folkloristico del Partito Unico della Nazione vi è tuttavia la Violenza Unnica dello Stato ovvero la Politica della Ruspa.

Inventata da Sergio Cofferati, la spettacolarizzazione della Ruspa oggi piace a tutti, dal PD fino alla Lega Nord che, per distinguersi, vi aggiunge sempre un po’ di toni incendiari.

Perché mentre tutto ormai assomiglia a tutto, e non è certo facile distinguere il razzismo del PD da quello di Forza Italia o della Lega Nord, il grande problema dei politicanti è quello di distinguersi pur dicendo sempre la stessa cosa.

Nella foto la leghista Lucia Borgonzoni, commissario provinciale della Lega Nord a Bologna, con la nuova linea di magliette preparata per la manifestazione dei rom e dei sinti del 16 maggio.

Quelli delle

Pôver al mi passarot! Questa città ha sopportato ben altre provocazioni e saprà certo respingere con calma e pazienza anche i farfugliamenti di chi fomenta l’odio sociale solo per raccattare un pugno di voti in più.

Posted in General.

Tagged with , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.