Skip to content


Casa in Loop, ovvero sciacalli a Milano…

CasaPound cerca da anni di far finta di essere una novità «non conforme» nel panorama del neofascismo italico, ma non fa che ripetere all’infinito le stesse miserabili trovate: violenza, razzismo, bufale e interviste per rotocalchi.

Fallita la campagna di «Sovranità» al Sud, ecco che quest’anno gli squadristi del terzo millennio riparati sotto le ali della Lega Nord terranno la loro solita saga annuale «Direzione Rivoluzione» l’11, 12 e 13 settembre a Milano con il consueto folklore funerario e nazirock.

Da sempre i fascisti cercano di imitare le culture rivoluzionarie per ricondurle sotto il giogo del potere e della gerarchia.

Nel 1898 i «fasci dei lavoratori» subirono la dura e sanguinosa repressione dei Savoia in Sicilia, Lunigiana e Milano: eppure le squadre nere chiamarono il loro partito Partito Nazionale Fascista per mettere a profitto l’immaginario popolare di resistenza.

È una tattica usata anche dai neofascisti del dopoguerra: «Ordine Nuovo» e «Fronte della gioventù» erano un giornale e un’organizzazione legati alla militanza socialista e poi comunista di Gramsci.

Ma con CasaPound siamo veramente all’eterno ritorno della miseria e della malafede… Vedi Corriere, Repubblica e Ansa.

Posted in General.

Tagged with , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.