Skip to content


La verità va gridata: strage fascista, strage di Stato!

Come avevamo annunciato e coerentemente con le parole conclusive di Paolo Bolognesi, che è tornato a denunciare con forza il coinvolgimento dello Stato nella strategia della tensione e nei depistaggi, oggi abbiamo abbandonato la Piazza della Stazione poco dopo il minuto di silenzio con cui ogni anno ricordiamo la strage del 2 agosto, perché non intendiamo più ascoltare le parole vuote e mediocri del sindaco e per sottolineare la necessità e l’urgenza di una società diversa, libera dallo sfruttamento, dalle guerre e dal terrore.

Auspichiamo che nessuno voglia speculare sulla provocazione che abbiamo dovuto subire da parte di una persona che ci ha ripetutamente gridato contro: «Fascisti! Fascisti!». La nostra reazione è stata più che composta.

Per noi la sola verità sullo stragismo è affidata ai vecchi slogan di quegli anni, confermati da tanti depistaggi di Stato, da tante testimonianze e risultanze processuali, da tante scandalose assoluzioni di stragisti legati ad agenzie statali:

«Le bombe nelle piazze, / le bombe alle stazioni, / le mettono i fascisti, / le pagano i padroni».

«Stazione di Bologna / si sa chi è stato / strage fascista / strage di Stato».

Non ci risulta che qualcuno ci abbia chiesto di tacere e anzi tante persone sono uscite con noi dalla piazza riconoscendosi negli slogan che abbiamo gridato e condividendo le verità scomode e ingombranti che ogni anno portiamo in piazza.

Fiducia nello Stato non ne abbiamo, l’antifascismo è nostro e non lo deleghiamo!

Nodo sociale antifascista

Posted in General.

Tagged with , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.