Skip to content


[BO] ven 10 feb: bambocciata neofascista per i «martiri delle foibe»

Anche quest’anno, venerdì 10 febbraio i neofascisti intendono commemorare i «martiri delle foibe» con una fiaccolata che partirà da Via Porrettana angolo Via della Barca (Zona Funivia) alle ore 22.30.

Più che la pietà per i morti, a muovere questa comica iniziativa politica è il solito vittimismo dei neofascisti che celebrano la sconfitta della Patria solo per legittimare, nel presente, aggressioni, razzismo e violenza. Ecco il loro pensierino per l’occasione:

«Un momento per ricordare che c’eravamo, un momento per affermare che esistiamo e un momento per formare ciò che saremo!»

A organizzare la bambocciata è un altro travestimento dell’estrema destra bolognese: il circolo «Virtute e canoscenza», a cui fa riferimento anche Gabriele Catellani, camerata e amico di Marco Lisei e di Michele Facci, ieri collocato nell’area minuscola di CasaPound e noto alle cronache perché era sempre in prima fila in manifestazioni «anti droga, spaccio, degrado e illegalità», ma spacciava sotto banco per arrotondare i guadagni della sua piccola osteria…

Anche il logo di «Virtute e canoscenza» è tutto un programma e dimostra quanto sia fasulla e strumentale l’idea che i neofascisti hanno della Tradizione, concepita come un mucchio confuso di roba di valore da esibire come segno di lusso spirituale. C’è la statua di Dante in Santa Croce. Ci sono le parole del fraudolento Ulisse «Virtute e canoscenza» che, come è noto, non corrispondono affatto al pensiero di Dante. Poi c’è la scritta «Comunità militante» che forse è una nuova zona dell’Inferno e l’abusato motto latino «Etiamsi omnes, ego non», fatto stampare sulle magliette nel 2010 dalle senatrici del PD in vista di un qualche voto parlamentare, ma in realtà legato al tradimento di Pietro che rinnega Gesù proprio dopo aver detto «anche se lo faranno tutti gli altri, io no». Una comica.

È cosa nota che i neofascisti spacciano soprattutto un’ideologia della violenza autoritaria e razzista e smerciano menzogne culturali, ciarpame filosofico e revisionismi storici di ogni genere.

In un’iniziativa recente di «Virtute e canoscenza» si è inneggiato persino alla «guerra santa» identitaria (qui al minuto 2.30). Il fascismo è sempre una comica finché non diventa violenza e tragedia…

Posted in General.

Tagged with , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.