Skip to content


Il fascismo continua a uccidere e combatterlo è cosa buona e giusta

Scritta apparsa a Bologna in Via S. Stefano nella ricorrenza della strage neofascista del 2 agosto.

Da decenni i neofascisti vengono protetti e sponsorizzati dalla politica «moderata» e dai media. Ogni loro omicidio o aggressione è una «rissa fra balordi». Ogni provocazione omofoba o razzista è la «legittima espressione democratica di un’opinione». Così, anche l’attacco di Charlottesville non ha destato nei media italiani una chiara condanna dello stragismo dell’estrema destra…

Evitare di chiamare fascisti i fascisti e nazisti i nazisti, equivale a rendersene complici. A maggior ragione, quando le violenze nazifasciste diventano attacchi terroristici come quelli di Charlottesville o come la strage di neri per mano di Gianluca Casseri o ancora quella di Utoya per mano di Anders Breivik, il tacere, l’attribuirne la causa a qualcosa di diverso dall’ideologia nazifascista (il «multiculturalismo» o l’«invasione straniera») significa essere complici di un’ideologia criminale e di chi per affermarla ricorre al terrorismo contro i nemici del nazifascismo, siano gli antifascisti, i neri, i giovani socialisti norvegesi. Vale per gli individui e vale ancora di più per i mezzi d’informazione, che in Italia fanno molta fatica a chiamare terroristi i bianchi che si macchiano di questi crimini e moltissima fatica a chiamare con il loro nome fascisti e nazisti e che spesso definiscono «populisti» politici e partiti che sono apertamente fascisti e che propagandano idee fasciste. Leggi tutto su Mazzetta.

Posted in General.

Tagged with , , .


One Response

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

  1. giovanni says

    un “antifascista” che cancella dalla definizione di fascismo il motivo fondamentale per cui i capitalisti l’hanno creato, ovvero la repressione violenta dei partiti e dei sindacati che si battono per i diritti dei lavoratori è un antifascista omeopatico, di quell’antifascismo che può stare benissimo su Repubblica di fianco a un’apologia di quel fascismo realizzato che è il Jobs Act.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.