Skip to content


[BO] sab 6 ott h.17.30: ancora Forza Nuova in Piazza San Domenico

Da qualche tempo tutti i neonazisti e neofascisti d’Italia vogliono farsi un giro a Bologna per quattro saluti romani e un «Boia chi molla». E adesso che il procuratore Giuseppe Amato ha stabilito che si tratta soltanto di «cattivo gusto», ecco che la Questura di Bologna organizza l’ennesimo giro turistico di Forza Nuova in Piazza San Domenico per sabato 6 ottobre alle ore 17.30 con comizio di Roberto Fiore contro la costruzione di una nuova moschea…

Che dire? Già il 16 febbraio migliaia e migliaia di persone hanno mostrato che per loro le manifestazioni neofasciste e neonaziste non sono «cattivo gusto», ma un insulto grave alla città e alla sua storia.

Peraltro è evidente che i neonazisti di Forza Nuova, ampiamente superati a destra da Salvini, se la passano davvero male.

Recentemente a Rimini hanno tenuto una «manifestazione nazionale» in duecento, tutti in jeans e camicia bianca, provenienti in prevalenza dal Veneto e dal Friuli. C’era Roberto Fiore con una panza sempre più grande e una retorica sempre più fiacca e ripetitiva. E c’era un clima di fanatismo identitario frustrato e insoddisfatto, tanto che anche il solito sventolìo di bandiere aveva un che di malinconico e di stanco. «Quando parla il Segretario, le bandiere vanno sventolate! Ve le ho portate per sventolarle, non per tenerle chiuse!…», ha urlato un dirigente prima che Roberto Fiore si mettesse a parlare.

È un fatto però che quando Forza Nuova cala su Bologna ci sia sempre qualche anonima intimidazione, qualche monumento antifascista vandalizzato, qualche aggressione, qualche attentato razzista come l’incendio al Centro di Cultura Islamica del 2009.

Invitiamo tutte e tutti alla vigilanza, alla resistenza e alla creatività antiautoritaria.

Posted in General.

Tagged with , , .


2 Responses

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

  1. Gianni Sartori says

    Osservo che nel suo intervento del 6 ottobre a Bologna, Fiore ha palesamento confuso la “setta alawita” (tra l’altro è quella del suo – si spera presunto – amico Assad, ma anche di tanti curdi in Turchia, per questo doppiamente emarginati e perseguitati) con il Wahhabismo (sostanzialmente saudita, all’origine anche di alcune derive integraliste tipo Isis).
    tanto per dire il livello…
    GS

  2. Fritz says

    Non c’ è da preoccuparsi! De Maria (PD) ha dichiarato che ci penserà lui a isolarli democraticamente con civilissimi comunicati stampa.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.