Skip to content


[BO] «Stop agli odiatori», ovvero valium per tutti a 5 euro a sera

«Odio gli indifferenti», ha scritto Antonio Gramsci l’11 febbraio 1917. Noi antifascisti odiamo tante cose: la prepotenza, l’ingiustizia, le morti sul lavoro, le morti in mare, le discriminazioni, l’autoritarismo, i confini, le guerre, l’ipocrisia, le volgarità del potere…

Già secondo Aristotele, l’odio verso ciò che non ci piace è un sentimento umano fondamentale tanto quanto il desiderio di ciò che ci piace. E sempre secondo Aristotele, l’importante è educarsi a odiare le cose che lo meritano davvero.

Ora, negli spazi pubblici del Baraccano concessi all’A.I.C.S. in via S. Stefano 119/2, l’ex vicedirettore del «Resto del Carlino» ha organizzato una «Scuola di Politica» a 5 euro a lezione e a 49 euro per tutte le undici lezioni con la possibilità persino di bersi «un drink nel secondo e terzo incontro».

Il tema della Scuola è «Stop agli odiatori» e gli oratori che interverranno rappresentano un indigesto minestrone che copre tutto l’arco della Politica nazionale. Si va dall’estrema destra di Enzo Raisi al centrodestra di Massimo Palmizio e Pierferdinando Casini, al leghista Alan Fabbri fino al PD, ai Sì Tav torinesi, al M5S, all’Arcigay, a san Nicolini e san Morgantini, a Valerio Monteventi ed Emily Clancy…

Il messaggio è che non bisogna odiare, che non bisogna essere antagonisti, che tutto può convivere con tutto, bastano massicce dosi di valium verbale e l’ipocrisia di non parlare di quello che non ci piace. Invece di creare dibattito e socialità e conflitto, promuovono tristezza e autorepressione.

Ora e sempre resistenza!

Posted in General.

Tagged with , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.