Skip to content


Una lunga scia di violenza e di sangue…

Quarantaquattro anni fa a Napoli moriva Iolanda Palladino per mano neofascista. Aveva vent’anni e fu bruciata viva da una molotov lanciata il 17 giugno 1975 da un gruppo di missini della sezione «Berta», fra i quali Umberto Fiore e Giuseppe Torsi. Alcuni degli assassini, poco tempo dopo, si arruolarono fra le fila dei NAR di Fioravanti.

Ma quella scia di sangue e di dolore arriva fino all’oggi. Non c’è giorno in Europa durante il quale non vi siano violenze neofasciste e neonaziste…

È di ieri invece la notizia secondo cui un neonazista tedesco avrebbe commesso l’omicidio di Walter Lübcke, il politico della CDU assassinato il 3 giugno che si era distinto negli anni per le sue posizioni fortemente favorevoli all’accoglienza dei migranti in Germania.

E sempre ieri a Roma una decina di neofascisti ha circondato alcuni ragazzi al grido «Hai la maglietta del Cinema America, sei antifascista!» e ne è seguito un violentissimo pestaggio con pugni, bottigliate e testate.

A Trento sono comparse scritte di minaccia e svastiche sotto casa di uno studente…

A Cremona hanno picchiato un ragazzo perché aveva una sciarpa con scritto «Ama il prossimo tuo» a un comizio di Matteo Salvini…

A Bologna i militari dell’operazione «Strade sicure» aggrediscono un 29enne ghanese al grido di «Negro di merda»…

Ma quello che i media fanno vedere è solo una minima parte dell’ondata di violenza autoritaria provocata dalla destra al governo che cerca di promuovere la legge del più forte e uno sfascio senza ritorno. E a contrastarla non sarà certo il centrosinistra della legalità, delle nomine e degli affari… Ora e sempre resistenza!

Posted in General.

Tagged with , , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.