Skip to content


Dove c’è merda, c’è CasaPound…

Non v’è dubbio che l’Italia sia un paese guerrafondaio e imperialista fin dai primi anni della sua costituzione. Ancora prima dell’Impero coloniale e razzista di Mussolini, l’Italia postrisorgimentale aveva già aggredito, invaso, bombardato svariati altri paesi, macchiandosi di crimini atroci in Europa e in Africa e combattendo i movimenti anticolonialisti solo per difendere gli interessi economici dei ceti dominanti.

Oggi l’Italia tiene le sue truppe in più di venti «missioni di pace» a beneficio delle «nostre» grandi aziende che sfruttano, inquinano e massacrano persone ai quattro angoli del mondo.

Non sorprende quindi che il presidente Giorgio Napolitano, già autore della legge razzista Turco-Napolitano,  abbia ricevuto con tutti gli onori i due «marò» che hanno verosimilmente ucciso due pescatori indiani. È l’Italia, la «nostra patria», sono i «nostri soldati»…

Ed è anche significativo che il «perito» della difesa dei due «marò» sia un finto ingegnere, un ciarlatano privo di titoli e competenze specifiche, che ha messo assieme una falsa perizia per far sembrare innocenti i due soldati al giornalismo italico. E costui non è solo un falso ingegnere, ma è soprattutto un vero dirigente nazionale di CasaPound. E, guarda caso, il figlio è il candidato alla presidenza della Regione Lazio per CasaPound…

Vedi: SenzaSoste, Mazzetta, ECNantifa

Posted in General.

Tagged with , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.