Skip to content


Ida Scarselli (Certaldo, 17 luglio 1897 – Niteròi, Rio de Janeiro, 22 ottobre 1989)


È importante ricordare chi ha combattuto contro l’oppressione, l’autoritarismo, il fascismo. Altre brevi biografie qui, qui, qui, qui, qui e qui

Ida Scarselli (Certaldo, 17 luglio 1897 – Niteròi, Rio de Janeiro, 22 ottobre 1989)

Anarchica, come i suoi quattro fratelli, viene arrestata nel 1921 per scontri con le forze dell’ordine avvenuti a Certaldo in seguito all’uccisione di Spartaco Lavagnini da parte delle squadracce fasciste; poi assolta, viene nuovamente incarcerata nel 1927 per aver raccolto fondi a sostegno dei prigionieri politici. Ritenuta appartenente alla «Banda dello zoppo», creata dai fratelli Tito e Oscar già nel 1921 per opporsi alla violenza fascista e alla repressione statale tramite azioni armate, Ida è considerata «elemento pericoloso» dal regime fascista. Così, anche se nel 1929 è rilasciata, viene subito dopo inviata al confino a Lipari e Ponza, dove rimane per tre anni. Rimessa in libertà, continua ad essere tenuta sotto stretta sorveglianza ed è arrestata in occasione di una visita di Mussolini in Calabria, dove si è nel frattempo trasferita. Nel dopoguerra emigra con la famiglia in Brasile.

Posted in Senza categoria.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.