Skip to content


Genova, un’altra strage

Quella di Genova non è una catastrofe naturale. Era un rischio noto da anni. Per produrre simili disastri non basta la «sfortuna». Ci vogliono istituzioni che usano la parola «sicurezza» sempre e solo per diffondere paura e razzismo, e null’altro. Ci vuole uno Stato che promuove l’affarismo delle «grandi opere», e non considera le persone altro che come numeri buoni per riempire le statistiche.

Un tempo le stragi le facevano i fascisti. Adesso, per intimidire e spaventare, bastano l’incuria, il cinismo e le leggi dello Stato. Ci sono le stragi in mare. Ci sono le stragi sui treni, come a Viareggio, ad Andria, a Pioltello… Ci sono i ponti crollati, come quello della statale 36 Milano-Lecco, della A14 a Osimo, della tangenziale di Fossano in provincia di Cuneo…

Tanto i viadotti non crollano mai sulle case dei ricchi.

Il cordoglio delle autorità è grottesco. Qualsiasi dichiarazione ufficiale è un oltraggio malamente travestito da pietà. Fanno affari sulla nostra pelle ed è tutto in regola, fino a quando non troveremo la forza, l’intelligenza e la determinazione di scardinare le loro regole.

Posted in Senza categoria.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.