Skip to content


Niente fiori, solo urina ed eroina…

Per l’8 marzo a Bologna la Polizia municipale ha sequestrato 1250 mazzi di pericolosissime mimose e sono state elevate multe per 93.000 euro ai «venditori abusivi».

Nonostante ciò, pare che il «commercio abusivo» stia diventando a Bologna il nemico pubblico numero uno, anzitutto per l’equivoca destra locale. Solo un anno fa la leghista Mirka Cocconcelli si rammaricava di non poter gasare i «parcheggiatori abusivi» con «un disinfestante chimico». Poi l’ex squadrista Galeazzo Bignami se l’è presa con gli «abusivi» in Stazione. E poco dopo militanti di Forza Nuova e della Lega Nord hanno fatto le loro ronde qua e . Infine è arrivata l’Associazione Commercianti di Bologna che ha finanziato e promosso, a difesa dello shopping legittimo, un servizio di ronde in Via Indipendenza contro la concorrenza dei «commercianti abusivi».

Sono tempi difficili e ognuno sopravvive come può, ma a quanto pare, secondo la Questura, le destre e l’Associazione Commercianti, gli «abusivi» dovrebbero dedicarsi soltanto a spacciare droghe nocive e pericolose per far prosperare gli affari delle mafie italiche sempre ben viste da fascisti e polizia…

E non è un caso che a far la loro ronda contro gli «abusivi» in Via Indipendenza siano sbarcati in città anche una ventina di neofascisti di CasaPound, senza però metterci la faccia, ma camuffati sotto maschere tricolori per denunciare, si legge nel loro volantino, «chi vende borse e vestiario o le birre in orario non consentito»… Forse si trattava di figuranti pagati, o di una parodia dadaista…

Intanto, a Mirandola i neonazisti hanno cercato di incendiare nella notte una macelleria gestita da marocchini tracciando sull’asfalto la scritta «Andate via» e una svastica… Chi sarà mai stato? Proprio il giorno prima, sempre a Mirandola, il responsabile locale di Forza Nuova aveva dichiarato: «Forza Nuova non si fa mettere i piedi in testa da nessuno…».

E proprio negli stessi giorni, venti km più in là, a Carpi, sono comparse scritte violentemente razziste sui muri della stazione delle autocorriere. Ma per il prefetto di Modena, per quello di Parma, non c’è problema.

A Roma intanto un ultras urina su una mendicante…

Posted in General.

Tagged with , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.

You must be logged in to post a comment.